Gong

 

Unità di educazione nutrizionale e gastronomica

 

Servizio gratuito per gli studenti dell’Università La Sapienza

In collaborazione con l’Istituto di Scienza dell’Alimentazione.

 

Prenota on line la tua visita gratuita

 

Il percorso individuale per mantenere il giusto peso e per nutrirsi ……. con sapienza

 

 

Alimentazione e salute, un rapporto sempre più evidente, strettamente correlato all’evoluzione della società, all’organizzazione del lavoro e dello studio ed alla produzione e distribuzione degli alimenti. Un rapporto condizionato da modelli estetici universalmente proposti e spesso irraggiungibili soprattutto per gli adolescenti, ma non solo.
Le cifre parlano chiaro: anche in Italia esiste un’emergenza sovrappeso ed obesità e sono in crescita, tra i giovani, i disturbi del comportamento alimentare.
Le informazioni corrette sono una base indispensabile per arginare questi fenomeni. Purtroppo, nonostante gli sforzi del Ministero della Salute e dell’INRAN, la maggior parte della popolazione si adegua alle proposte di mass media e diet industry.
L’ unità di educazione nutrizionale e gastronomica vuole essere un punto di ascolto, informazione e indirizzo gratuito per tutti gli studenti della Sapienza che appartengono ad una classe di età particolarmente esposta al rischio di errati comportamenti alimentari, e nello stesso tempo ancora in tempo per recepire un’azione preventiva duratura negli anni. Un’alimentazione sana non lo è tanto – o solo – in base alla qualità degli alimenti che ingeriamo, ma in virtù della varietà e della quantità del cibo: di tutto, con moderazione!
Perché anche l’educazione gastronomica, accanto all’educazione nutrizionale? Perché i due aspetti non vanno disgiunti: l’alimentazione serve per una nutrizione corretta, bilanciata e salutare, ma deve anche essere vissuta e praticata come un piacere che rende la convivialità un momento importante della socializzazione. Tranne che in rari casi, i giovani non vengono educati al gusto, alla capacità di distinguere, accostare ed apprezzare i sapori, alla curiosità per gli usi e costumi alimentari di altre comunità umane accanto all’interesse per la conservazione, la valorizzazione ed il recupero dei piatti della nostra tradizione. Noi siamo convinti che una nutrizione impostata anche sulla valorizzazione degli aspetti gastronomici renderà del tutto accettabili le limitazioni quantitative: il piacere contro l’abbuffata!

 

Responsabile: Prof.ssa Anna Maria Patti

 

Sede dell’Unità:           Dipartimento di Scienze di Sanità Pubblica e Malattie Infettive

Ingresso sulla facciata principale dell’edificio Sanarelli, accanto alla fontanella dell’acqua marcia